Pubblicazioni Permanenti

Albo

Contatti

 

 

Comune di

Santo Stefano in Aspromonte

Via Domenico Morabito, 25

89057 Santo Stefano in Aspromonte

 

Pec e Mail istituzionale

 

Tel 0965.740601

Fax 0965.740581

Tel.Fax.Anagrafe 0965.740478 

 CF 80003130806

 

Coordinate Bancarie

Operazione Trasparenza

Amm.Aperta

Amministrazione Trasparente

ant.corruzione

 

IMU

tares

Iuc

Accessibilità



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

Parco Dell'Aspromonte 

Associazione Comuni Stretto

 

Trasporto anziani e disabili 

Fatturazione

psa santo stefano

 

Protezione Civile Santo Stefano

Serv.Civile

RSS di Calabria - ANSA.it

 

http://www.santostefanosportellonline.it

Suap

 

 

 

 Benvenuti nel Sito Istituzionale del Comune di

                                                      

             Santo Stefano in Aspromonte

                                                    

     Panorama                       

Provincia di Reggio Calabria

Cap 89057 - Codice ISTAT 080083

Codice Catastale I371

Abitanti: 1230 (al 31/12/2014)

Superficie: 17 Kmq

Densità demografica: 76,65 ab./Kmq

Altitudine: 715 m s.l.m. 

 

 

 

 

 

 

 

NEWS

foto

 

 A riscontro delle numerose richieste da parte dei nostri agricoltori e per aiutarli a comprendere la causa dello stato patologico delle piante di olivo ubicate prevalentemente in contrada Scifadi e dintorni, abbiamo chiesto la collaborazione del Dipartimento di Agraria dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Dopo il sopralluogo ed il campionamento effettuati dai tecnici del Dipartimento, valutato lo stato vegetativo delle piante e dall'esito di alcune analisi effettuate, si è stabilito che trattasi, probabilmente di: Cecidomia Suggiscorza dell'olivo (Resseliella Oleisuga), cioè un dittero che attacca le piante di olivo. I danni si manifestano soprattutto sul fusto e sui rami che presentano ferite. I sintomi delle piante affette sono: screpolature, forme di depressione, modificazioni di colore giallo rossastre della corteccia e il reinsecchimento della vegetazione soprastante le zone attaccate. A causa della profondità delle larve nel tessuto della pianta, il trattamento antiparassitario oggi non è razionale. Il rimedio possibile al momento è: la rimozione e la distruzione delle parti attaccate o provare a rimuovere la parte secca rinforzando la pianta con concimazioni fogliarie e trattamenti rameici. In tal modo la pianta potrà avere una ripresa vegetativa atta a reagire anche a tali attacchi. Infine anticipiamo che nel mese di agosto organizzeremo un seminario informativo nel quale i tecnici universitari spiegheranno nel dettaglio agli agricoltori tale problematica.

indietro
HTML 4.01 Strict Valid CSS
Pagina caricata in : 0.175 secondi
Powered by Simplit CMS